Guglielmo Marconi

Guglielmo Marconi nasce a Bologna il 25 aprile 1874 in via IV Novembre 7 (ex via delle Asse 1170). Suo padre Giuseppe Marconi, nato a Capugnano il 8 luglio 1823 e morto a Bologna il 26 marzo 1904, era un proprietario terriero che viveva nelle campagne di Pontecchio ed era al secondo matrimonio. Vedovo con un figlio, aveva conosciuto una giovane irlandese, Annie Jameson, nipote del fondatore della storica distilleria Jameson & Sons in visita in Italia per studiare bel canto, sposandola il 16 aprile 1864 a Boulogne-sur-Mer, in Francia. Un anno dopo il matrimonio nasce Alfonso e, nove anni più tardi, Guglielmo.

Il padiglione antenna di 400 fili alla stazione radiotelegrafica di Poldhu (cornovaglia)

L’avere avuto una madre irlandese permette di comprendere meglio le molte attività di Marconi che si svolsero in Gran Bretagna e Irlanda. Avrebbe potuto optare per la cittadinanza britannica in qualsiasi momento, in quanto figlio di entrambi i genitori con tale cittadinanza. Quando il piccolo Guglielmo aveva tre anni, il 4 maggio 1877, Giuseppe Marconi aveva infatti deciso di assumere a sua volta la cittadinanza britannica.

Marconi, già all’età di vent’anni, comincia i primi esperimenti lavorando come autodidatta, aiutato dal suo maggiordomo Mignani. Nell’estate del 1894 costruisce un segnalatore di temporali costituito da una pila, un coesore (detto anche coherer, un tubetto con limatura di nickel e argento posta fra due tappi d’argento, dispositivo inventato dal fermano Temistocle Calzecchi Onesti) e un campanello elettrico, che emette uno squillo in caso di fulmine.

In seguito riesce, premendo un tasto telegrafico posto su un bancone, a fare squillare un campanello posto dall’altro lato della stanza. Una notte di dicembre, Marconi sveglia la madre, la invita nel suo rifugio segreto e le mostra l’esperimento che aveva realizzato. Il giorno dopo anche il padre assiste all’esperimento. Quando si convince che il campanello suona senza collegamento con fili, regala al figlio i soldi necessari per l’acquisto di nuovi materiali. Il giovane Marconi prosegue nei suoi esperimenti anche all’aperto. In campagna aumenta la potenza delle emissioni e la distanza che separa il trasmettitore dal ricevitore, capace di ricevere i segnali dell’alfabeto Morse.

L’8 dicembre 1895, dopo vari tentativi, l’apparecchio si dimostra valido nel comunicare e ricevere segnali a distanza, ma anche nel superare gli ostacoli naturali (in questo caso, la collina dietro Villa Griffone). Il colpo di fucile che il maggiordomo Mignani spara in aria per confermare la riuscita dell’esperimento (l’apparecchio aveva vibrato e cantato come un grillo per tre volte) viene considerato l’atto di battesimo della radio in Italia. In precedenza altri sperimentatori avevano infatti ottenuto simili risultati, come Nikola Tesla, che aveva trasmesso a 50 km di distanza all’inizio dello stesso anno in un collegamento a West Point, mentre il russo Aleksandr Popov aveva realizzato un ricevitore di onde radio nel maggio dello stesso anno.

Nel 1896 Marconi parla con l’amico di famiglia Carlo Gardini, console degli Stati Uniti d’America a Bologna, dell’idea di lasciare l’Italia per andare nel Regno Unito. Gardini scrive una lettera all’Ambasciatore d’Italia a Londra suo conoscente, Annibale Ferrero, per presentare il giovane e le sue straordinarie scoperte. Come risposta l’ambasciatore Ferrero consiglia di non rivelare a nessuno i risultati ottenuti, se non dopo la presentazione del brevetto. Inoltre lo incoraggia a recarsi nel Regno Unito, dove ritiene che gli sarà più facile trovare i capitali necessari per l’impiego pratico della sua invenzione. Il 12 febbraio del 1896 Marconi parte con la madre per il Regno Unito. A Londra, il 5 marzo dello stesso anno, presenta la prima richiesta provvisoria di brevetto, con il numero 5028 e con il titolo “Miglioramenti nella telegrafia e relativi apparati”. Da sottolineare che tale richiesta avviene con 21 giorni di anticipo rispetto alla data della prima trasmissione radio realizzata dal russo Popov. Il 19 marzo Marconi riceve dall’Ufficio Brevetti conferma dell’accettazione della prima domanda. Il 2 giugno dello stesso anno deposita all’Ufficio Brevetti di Londra una domanda definitiva per un sistema di telegrafia senza fili, n. 12039, dal titolo “Perfezionamenti nella trasmissione degli impulsi e dei segnali elettrici e negli apparecchi relativi”. Nel farlo Marconi rinuncia a tre mesi di priorità sull’invenzione. Il 2 luglio 1897 ottiene dall’Ufficio Brevetti di Londra il brevetto richiesto.

Related post