Nel giugno del 1948 per la prima volta Roma ospitava la parata militare in onore della Repubblica.

STORIA – Nel giugno del 1948 per la prima volta Via dei Fori Imperiali a Roma ospitava la parata militare in onore della Repubblica. L’anno seguente, con l’ingresso dell’Italia nella NATO, se ne svolsero dieci in contemporanea in tutto il Paese mentre nel 1950 la parata fu inserita per la prima volta nel protocollo delle celebrazioni ufficiali. Attualmente il cerimoniale prevede la deposizione di una corona d’alloro al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria a Massa e una parata militare alla presenza delle più alte cariche dello Stato.Leggi tutto“Nel giugno del 1948 per la prima volta Roma ospitava la parata militare in onore della Repubblica.”

Cerimonia di giuramento del Governo Conte

Il Governo ha prestato giuramento questo pomeriggio al Palazzo del Quirinale. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Professore Giuseppe Conte, e i Ministri hanno giurato nelle mani del Capo dello Stato pronunciando la formula di rito. Erano presenti, in qualità di testimoni, il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Cons. …

La parata militare del 2 giugno 2020

Ormai è deciso, la parata militare del 2 giugno si farà, le tradizionali celebrazioni saranno improntate a criteri di particolare funzionalità e sobrietà, sia per i limiti entro cui si svolgerà la rassegna militare, sia per i caratteri che assumerà l’incontro in Quirinale con i rappresentanti del Corpo Diplomatico, di tutte le istituzioni e di significative espressioni della società civile.

  • Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha confermato che si svolgeranno regolarmente le celebrazioni – ricevimento delle istituzioni al Quirinale e parata militare – previste per il prossimo 2 giugno, per festeggiare i settanta anni della Repubblica
    MODALITA’ DI ACCREDITO PER LA PARATA DEL 2 GIUGNO

Festa della Repubblica 2019: l’omaggio ai corpi militari e civili della Repubblica

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, rispondendo ad una lettera relativa alle modalità con cui viene celebrata la ricorrenza della Festa della Repubblica, ha richiamato come il 2 giugno sia “la festa di tutti gli italiani, che in quel giorno ricordano e riaffermano i valori democratici della convivenza civile che trovano espressione nelle varie forme della loro partecipazione alla vita sociale del Paese”.